Come scegliere il Broker Forex

Uno dei settori del trading online con le maggiori possibilità di guadagno è il Forex, il mercato internazionale delle valute, dell’oro e dell’argento, il mercato più liquido del mondo. Per fare trading online Forex è necessario scegliere attentamente il broker giusto, in base alle proprie esigenze personali e ad alcuni parametri generali di qualità. Proprio per questo andremo ad elencare i principali fattori da tenere presente per scegliere il vostro broker Forex, sfatando alcuni miti e facendo un po’ di chiarezza sull’argomento.

Come scegliere il broker Forek giusto: attenti alle certificazioni

Per scegliere il broker Forex migliore e giusto per voi bisogna ovviamente iniziare dalle certificazioni ed autorizzazioni di legge, che devono essere aggiornate e ben evidenti sul sito del broker, con riportato il numero di licenza e l’organismo presso il quale sono state effettuate.

La maggior parte dei broker Forex hanno licenze e certificazioni europee, soprattutto a Cipro, che vanta una legislazione molto più blanda e rapida rispetto a quella di molti altri paesi europei. Ovviamente niente di male, ma potrebbe essere un punto a favore del broker la presenza di una filiale italiana, che garantirebbe sia una presenza più solida in Italia, che una maggiore facilità di fruizione dei servizi.

Inoltre bisogna controllare che il broker sia stato registrato anche presso gli organi di controllo italiani, come la Consob ed eventualmente la Banca d’Italia per i conti ed i depositi. Uno dei parametri che molti trader giudicano importante nella scelta del broker Forex, è la possibilità di avere una leva finanziaria elevata, fino anche a 1:200 o addirittura 1:300. Si tratta di un falso mito, in quanto una leva finanziaria così elevata è del tutto inutile, a meno che non basiate il vostro trading prevalentemente sullo scalping, un tipo di trading estremamente pericoloso e rischioso.

Per fare trading online nella maniera classica è sufficiente avere a disposizione una leva finanziaria di 1:40 o massimo 1:50. Quindi diffidate delle offerte di leva molto alte, che sono dei servizi del tutto inutili al trading tradizionale, ed assolutamente un parametro di scelta del broker del tutto ininfluente.

BROKER FOREX E conti segregati

Uno dei fattori rilevanti per scegliere il broker Forex è la presenza di conti segregati, un aspetto che permette di stare tranquilli sui propri depositi e che è di vitale importanza. I conti segregati sono dei conti che non appartengono direttamente al broker, o meglio non sono gestiti direttamente da lui, ma sono gestiti da terzi.

In questo modo in caso di fallimento del broker, i propri depositi, risparmi e guadagni sarebbero completamente al sicuro, visto che il broker non potrebbe usare quei soldi per la solvibilità fallimentare. La presenza di conti segregati permette di sapere che i propri soldi sono realmente al sicuro, qualsiasi cosa avvenga, al riparo dai rischi di un settore che di rischio purtroppo vive. Diffidate di quei broker che utilizzano conti in paradisi fiscali o che non risultino essere segregati, tutti sintomi di una scarsa professionalità e trasparenza.

Un altro parametro che vi potrebbe aiutare nella scelta del broker Forex giusto, è la presenza o meno di una sede italiana. Un broker con una sede in Italia dà un chiaro segnale di presenza solida nel nostro Paese, e garantisce inoltre la possibilità di usufruire di tutti i servizi in italiano. Oltretutto in caso abbia anche conti segregati presso banche italiane, rassicura sulla gestione dei propri soldi e sui prelievi ed i depositi.

qUANTO COSTA UN FOREX BROKER

Per valutare correttamente un broker Forex dovete assicurarvi che non vengano proposti costi di trading assurdamente bassi, per esempio pubblicizzando l’assenza di commissioni e spread troppo bassi. I broker guadagno proprio dalle commissioni e dagli spread applicati sulle operazioni, ed anche se sembrerebbe vantaggioso non pagarli, è meglio diffidare di un broker che rinunci a questi introiti pur di prendere clienti.

È ovvio che il broker rinuncia alle commissioni ed applica spread troppo bassi, dovrà per forza recuperare queste entrate da qualche altra parte, intervenendo direttamente sul trading. Per esempio, il broker potrebbe ritardare le operazioni che effettuate, dare segnali di trading ritardati o perdenti, applicare costi nascosti, proporre investimenti in perdita e nascondere investimenti migliori.

Un broker serio, che opera in maniera trasparente e professionale, offre tutti gli strumenti di trading ad un prezzo giusto e ragionevole, senza dover rifarsi in maniera subdola e fraudolenta. È meglio pagare la giusta cifra per avere a disposizione un servizio di qualità, che pagare poco o niente e rischiare di perdere tutto il proprio investimento a causa di un sistema di trading poco trasparente e pilotato.

Servizi dEI BROKER: OCCHIO AD assistenza e formazione

Infine giudicate i broker Forex a seconda dei servizi che offrono. Per esempio le piattaforme di trading devono essere professionali e complete, disponibili anche per i dispositivi mobili sia iOS che Android. L’assistenza poi deve essere in italiano, 24 ore su 24 con tempi d’attesa ragionevolmente brevi, soprattutto in caso di emergenza o di urgenza.

Infine il broker deve garantirvi una formazione costante, con strumenti come i corsi, le guide ed i seminari facilmente accessibili e di ottima qualità, soprattutto per i trader alle prime armi. In conclusione per scegliere il broker Forex migliore è necessario tenere presente alcune linee guida, come:

  • Certificazioni ed autorizzazioni
  • Eventuale sede italiana
  • Conti segregati
  • Strumenti di trading, assistenza e formazione
  • Servizi in lingua italiana
  • Costi giusti e trasparenti
  • Leva finanziaria minima di 1:40

Diffidate dei broker che vi offrono costi troppo bassi, leve finanziarie estremamente alte e versamenti su conti off-shore, rivolgetevi soltanto ai migliori broker Forex del settore.

Lascia un commento