Quanto costa fare trading online

Moltissime persone vorrebbero iniziare a fare trading online interessati dai possibili guadagni che offre, ma sono spaventate dai costi iniziali di cui spesso non hanno un’idea chiara e precisa. Investire i propri risparmi ha sempre un costo sia che si tratti di comprare azioni ed obbligazioni, di aprire un conto deposito o di fare trading online con banche o presso i broker. Ogni tipo di investimento ha i suoi costi ma il grande vantaggio del trading online sta proprio qui, riuscendo ad abbassare l’investimento iniziale fino a ridurlo a poche centinaia di euro.

Quanto è necessario investire per iniziare a fare trading online

Quando si parla di trading online si pensa inizialmente alle grandi società finanziarie di Wall Street, che investono ingenti somme di denaro avvalendosi dei migliori professionisti sul mercato. Ovviamente questo tipo di trading è molto difficile e costoso e non permette a chi non abbia grosse somme di denaro di avvalersi delle loro consulenze e professionalità. Oggi però, grazie al trading online con le opzioni binarie ed ai CFD, è possibile rivolgersi ad un broker certificato come Plus 500, 24 Option, Markets.com o IQ Option ed iniziare a fare trading online con un deposito iniziale minimo.

Alcuni broker inoltre permettono, una volta registrati ed effettuato il primo deposito da 50 a 250€, di accedere alla versione demo gratuita per sperimentare le piattaforme e fare esperienza senza rischiare i propri soldi. In questo modo è possibile iniziare a fare trading online in sicurezza passando ad usare i propri risparmi soltanto quando si è pronti, diminuendo il rischio di perdite ed aumentando le possibilità di guadagno. Per calcolare quanto sia necessario investire per iniziare a fare trading online io suggerisco intorno ai 500€ massimo, calcolando una strategia di lungo termine su almeno un anno di trading, potendo coprire eventuali perdite sul breve e medio periodo.

Commissioni delle banche per il trading online

Tra i costi del trading online la spesa maggior è rappresentata dalle commissioni, soprattutto quando ci si affida alle banche tradizionali che offrono anche servizi di trading per i propri correntisti. Per le banche tradizionali il business primario non è rappresentato dal trading online, motivo per il quale applicano costi di gestione mensili e commissioni piuttosto alte sugli effettuati. Per esempio Fineco applica una commissione dello 0,19% sull’MTA e sul MOT, da un minimo di 2,95€ ad un massimo di 19€, mentre CheBanca! dello 0,18% senza minimi né massimi.

Il vantaggio del trading online con le banche è la possibilità di investire in strumenti finanziari tradizionali come i titoli di Stato e le obbligazioni, creando un portafoglio diversificato. Ma se il vostro obiettivo è quello di fare trading online con le opzioni binarie ed i CFD, partendo da un investimento iniziale minimo, dovete affidarvi ai broker del trading online.

Commissioni dei broker per il trading online

I broker certificati come Plus 500, 24 Option o Markets.com lavorano diversamente dalle società d’investimento finanziarie e dalle banche, mettendo a disposizione dei trader strumenti come le opzioni binarie ed i CFD, ossia i contratti per differenza. In questo modo potete abbattere i costi di trading fino ad un minimo di 100€ per aprire un conto reale, eliminando le commissioni sugli effettuati e pagando soltanto un piccolissimo spread sulla differenza di prezzo tra gli acquisti e le vendite. Inoltre avrete a disposizione materiale formativo di qualità, e-book, corsi, seminari, video aule, segnali di trading ed assistenza personalizzata 24 ore su 24 per risolvere tutti i vostri problemi.

Conclusioni

Fare trading online può costare molti soldi se ci si affida ai canali tradizionali ed istituzionali, come banche e società finanziarie, mentre grazie ai broker del trading online è possibile tagliare fuori tutti gli intermediari. In questo modo è possibile iniziare a fare trading online con un deposito iniziale minimo, da 50 a 250€ a seconda del broker, usando quando necessario la leva finanziaria per aumentare la propria capacità d’investimento. Inoltre con i broker del trading online non si pagano commissioni ma soltanto uno spread minimo sugli effettuati, riducendo i costi ad un piccola percentuale delle proprie operazioni di trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *